Una discorso, tante (in)comprensioni. L’esperimento partecipato di FEM